05 Dicembre 2021
news

SEZ ALBENGA, SEZ SAVONA - UNA LEZIONE CON LA MENTAL COACH PER GESTIRE LE EMOZIONI

30-06-2021 12:41 - 2020-2021 SEZ News
UNA LEZIONE CON LA MENTAL COACH PER GESTIRE LE EMOZIONI
A cura di Francesco Tortora e Andrea Bosio

Si è svolta, in modalità telematica, una riunione congiunta tra le Sezioni di Savona e di Albenga con un’ospite d’eccezione, la dottoressa Nicoletta Romanazzi, Mental Coach specializzata in Sport Coaching.

Il Presidente della Sezione AIA di Savona, Simone Roba, ha introdotto l’evento salutando i presenti e la relatrice della serata: “L’incontro di oggi rappresenta una prima volta. Come sezione, insieme a quella di Albenga, abbiamo deciso di proporre un ospite esterno all’Associazione. Abbiamo cercato con il Presidente della Sezione di Albenga, Igor Vecchio, una personalità al di fuori della nostra realtà, ma che portasse un valore aggiunto all'attività arbitrale, e l’abbiamo trovata in Nicoletta Romanazzi.”

Proseguendo nei saluti, anche Vecchio è intervenuto a tal proposito: “Ringrazio l’invito da parte di Simone per lo svolgimento di questa riunione congiunta. Per la Sezione di Albenga l’incontro rappresenta la seconda tappa di un percorso che è iniziato con il raduno di inizio stagione insieme a Virida Castelbarco. Credo che questi incontri formativi siano fondamentali per i nostri ragazzi in quanto mirano a curare e ad approfondire gli aspetti psicologici e motivazionali della nostra attività.”

Nell’incontro la Romanazzi ha avuto modo di introdurre il proprio argomento agli associati, parlando di sport, ma soprattutto di life coaching volto all’attività sportiva.
“Io sono un'allenatrice, ma invece di allenare il corpo, alleno la mente – ha esordito la mental coach -, insegnandovi a capire come funziona la nostra mente e come gestire le emozioni.”

Per la relatrice è essenziale comprendere fin da subito che una persona, non solo nel mondo dello sport, debba essere consapevole che i futuri successi sono esclusivamente il risultato dei propri sforzi, e non dipendono da fattori esterni. Ciò significa assumersi le proprie responsabilità e imparare a comprendere i meccanismi del funzionamento degli stati d’animo, scegliendo di gestire gli stessi in modo più funzionale per la persona stessa.

“Ho scelto di lavorare nello sport coaching perché è divertente: la mentalità degli atleti è interessante in quanto sono abituati al sacrificio e a un lavoro costante. In molti credono di non poter allenare la mente, eppure si può fare davvero tanto sotto questo aspetto, purché l’allenamento sia costante e il paziente partecipi attivamente.” In seguito, Nicoletta Romanazzi ha spiegato che incontra i suoi pazienti a cadenza quindicinale, in modo che gli stessi abbiano la possibilità di lavorare per costruirsi un percorso formativo ben definito.

Rispondendo alla domanda di un arbitro connesso, la relatrice ha spiegato che per riuscire ad affrontare un momento di scetticismo dovuto all’errore commesso in campo bisogna riuscire a essere in sincronia con la mente e il corpo. Tutte le volte che si affronta un momento di particolare difficoltà bisogna assolutamente restare con la mente nel presente e, soltanto alla fine della partita, riflettere su ciò che è accaduto e rendersi conto degli errori commessi.

“Ogni volta che ci proiettiamo nel passato per un errore, o proviamo a riviverlo successivamente, stiamo uscendo dallo stato di massima performance e ci stiamo perdendo”.

Un altro fattore importante è quello di essere responsabili della propria comunicazione, aspetto fondamentale su cui basare il sostegno verso il prossimo e verso sé stessi. Questa affermazione è stata indirizzata soprattutto agli osservatori arbitrali che comunicano con i ragazzi visionati: devono tenere a mente il significato del loro ruolo, che si traduce nel dare consigli validi. Inoltre, il rapporto descritto sopra deve essere reciproco e fiduciario: l’arbitro deve saper accettare i consigli e saperli applicare nelle partite future.

Per gli arbitri è importante sviluppare gradualmente l’abilità della leadership nelle partite, soprattutto nell’ottica di dover gestire la terna arbitrale.

“Prima di tutto, per condurre una squadra, bisogna essere in grado di guidare sé stessi - afferma la Romanazzi -, per poter essere un leader, devo essere in primo luogo leader di me stesso; è solo così che l’altra persona percepirà la mia leadership e mi seguirà, al contrario mi metterà sempre in discussione”.

In conclusione, Nicoletta Romanazzi ha voluto precisare la tipologia di lavoro che la stessa propone ai suoi pazienti, un impegno stimolante e travolgente che porta a ottimi risultati e fa raggiungere obiettivi concreti in un breve arco di tempo: “Per motivare coloro che si affidano alla mia professione si deve mostrare l’efficienza del lavoro e i vantaggi che gli atleti avranno in futuro seguendo questo tipo di percorso”.







Fonte: aia-figc.it

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
icona chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

cookie