05 Agosto 2021
news

SEZ GENOVA - AIA 110 E LODE: PORTENTOSO "TALENT SCOUT" DI ARBITRI, CARICAVA I RAGAZZI COME NESSUNO

19-07-2021 16:01 - 2021-2022 SEZ News
Claudio Pieri
Claudio Pieri
LA STORIA DI CLAUDIO PIERI
(1940 – 2018)
Entrato nell'AIA nel 1966
Arbitro di Serie A dal 1975 al 1987 con 137 presenze
Internazionale dal 1983
Vincitore Premio “Giovanni Mauro” nella Stagione 1982/'83
Presidente CRA dal 1987 al 1998
Vice Commissario CAI dal 1998 al 1999
Vice Commissario CAN D dal 1999 al 2001
Commissario CAN D dal 2001 al 2005
Commissario CAN C dal 2005 al 2006

Innovatore, trascinatore, “talent Scout”. Per raccontare l'importanza di Claudio Pieri nell'AIA queste parole non sono sicuramente sufficienti, ma di sicuro aiutano a comprendere alcune delle sue innovazioni che hanno permesso all'Associazione, ed in primis agli associati liguri, di viaggiare nel futuro.
In campo è stato un pioniere perché ha incominciato a porre al centro dell'arbitraggio la preparazione atletica, in un'epoca in cui l'allenamento non era considerato fondamentale per la formazione di un arbitro.
Da dirigente è impossibile dimenticare le sale gremite di giovani che bramavano per poter partecipare alle sue riunioni cariche di emozioni: riusciva sempre a proferire le parole giuste in grado di trasmettere grinta anche ai ragazzi più timidi.
Inoltre, basti pensare ai genovesi Graziano Cesari e Mauro Bergonzi, nonché agli internazionali Luca Banti, Antonio Damato e Daniele Orsato, citandone alcuni, per capire le sue qualità da “talent scout”. “A Claudio bastavano anche soltanto pochi minuti per poter comprendere la futuribilità di un arbitro; per questo spesso vedeva solo un tempo della partita in modo da poter valutare più ragazzi in un'unica domenica”, raccontano alcuni suoi allievi.


Fonte: aia-figc.it

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio