18 Ottobre 2021
news

VICINANZA: "L'INIZIO É LA PARTE PIÙ IMPORTANTE DI QUALSIASI PERCORSO"

30-09-2021 18:53 - 2021-2022 CRA News
Fabio Vicinanza
Fabio Vicinanza
Venerdì 17 e sabato 18 settembre, sotto la supervisione del Componente del Comitato Nazionale Alberto Zaroli, si è svolto il raduno precampionato per arbitri, assistenti e osservatori del Comitato Regionale Arbitri della Liguria.
La prima parte dei lavori si è svolta sul campo sportivo di Pietra Ligure in cui gli arbitri hanno sostenuto il nuovo test SDS e gli assistenti l’ariet test, superati entrambi brillantemente, sotto la supervisione della Referente Atletica Federica Sibilla.
Successivamente, presso la consolidata ed efficiente struttura del “Loano2 Village”, il raduno è entrato nel vivo dei lavori in aula.
Ha aperto la giornata il messaggio del Presidente del CRA Liguria Fabio Vicinanza che si è detto molto emozionato per il ritrovo in presenza e la ripartenza delle attività: “L’inizio è la parte più importante di qualsiasi percorso; il successo è la somma di tanti piccoli gesti ripetuti nel tempo con costanza”.
Alberto Zaroli ha elogiato il lavoro svolto dal Presidente Vicinanza ricordando che a lui recentemente è stato conferito il Premio Nazionale “Sergio Gonnella”.
Sono intervenuti a portare il loro saluto, ma soprattutto preziosi consigli ai colleghi, Davide Ghersini arbitro CAN e Stefano Alassio assistente CAN internazionale.
Con il contributo del Settore Tecnico rappresentato da Lorenzo Ferrandini, Luca Passarotti e Pietro La Pertosa sono stati affrontati i lavori incentrati sul team work: fondamentale è lo “spirito di squadra” che dev’essere il primo elemento attraverso il quale costruire una valida prestazione. In seguito, i lavori sono proseguiti con l’analisi dello spostamento e del posizionamento sul terreno di giuoco, evidenziando come il filo conduttore debba essere incentrato sulla scelta delle “priorità” sia in situazioni dinamiche sia statiche.
I lavori sono stati poi ripresi sabato 18 con la Circolare n. 1, che è stata abilmente illustrata da Luca Passarotti all’organico CRA che, per l’occasione, era al completo di arbitri, assistenti e osservatori.
Fatti i doverosi test tecnici e associativi, i lavori sono proseguiti con la presentazione della squadra dei Componenti, Collaboratori e Referenti che lavorerà per la Stagione 2021/2022 con il Presidente Vicinanza.
Il Vicepresidente Roberto Gandini e il Responsabile degli assistenti Stefano Baldissin hanno analizzato la procedura per il rinvio delle gare, le modalità di compilazione e di invio dei referti e la preparazione della gara cogliendo l’occasione per trasmettere le disposizioni tecniche all’organico.
Nel pomeriggio sono stati approfonditi, con un serrato confronto e un diretto coinvolgimento degli associati, gli aspetti inerenti l’handball e il challenges. Il tutto sotto la guida, la supervisione e l’interazione del Settore Tecnico e del Presidente Vicinanza.
Durante il raduno del sabato non ha fatto mancare la propria presenza, per un gradito saluto, il Componente della CAN D Andrea Crispo.
Ulteriore lustro all’evento è stato dato dall’intervento del Consigliere Federale della FIGC Stella Frascà.
Si è dunque arrivati al momento istituzionale della chiusura del raduno introdotto da Stefano Baldissin che ha sottolineato come l’AIA, e lo spirito associativo, anche nei momenti più bui di questa pandemia, siano stati elementi concreti che non sono mai venuti meno.
Hanno poi preso la parola Ugo Maggi, Presidente dell’Associazione Allenatori, e Giulio Ivaldi, Presidente della Lega Nazionale Dilettanti della Liguria.
Vicinanza ha voluto dedicare il raduno a Piero Garilli, Presidente della Sezione di Chiavari, recentemente scomparso.
Ha concluso il raduno l’intervento di Alberto Zaroli, che ha elogiato le qualità delle risorse umane e tecniche regionali alle quali sono stati riconosciuti importanti Premi Nazionali, ma soprattutto rappresentanze in numerose Commissioni dirigenziali. Zaroli ha poi sottolineato l’importanza del fatto che per la prima volta l’AIA abbia un logo proprio, composto da un ponte che vuole significare un’unione tra tutte le componenti dell’Associazione e da una bilancia che rappresenta la giustizia.
“Chi fa l’arbitro ha il compito di portare ordine e giustuzia. Dovete avere il coraggio di perseguire i vostri obbiettivi e la forza di credere in quello che fate”.
Zaroli ha poi concluso il proprio intervento soffermandosi sulle celebrazioni per il 110° anniversario dell’AIA che hanno avuto come protagonisti i 110 giovani associati perchè “il modo migliore per celebrare il passato è investire sul futuro”.

A cura di Matteo Fazioli


Fonte: aia-figc.it

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

close
Utilizziamo i cookies
Questo sito utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie.
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari