11 Agosto 2020

SEZIONE DI LA SPEZIA: CON MAZZOLENI RICORDANDO CATERINA

29-03-2014 17:33 - stagione sportiva 2013-2014
E´ stata una riunione dai molteplici sentimenti, quella che ha visto l´arbitro internazionale Paolo Mazzoleni ospite della sezione di La Spezia. La serata è stata infatti caratterizzata dal ricordo della collega Caterina Buila, da parte del presidente di sezione Stefano Bassi, deceduta a soli 15 anni a seguito di un improvviso malore a pochi giorni dal suo esordio sui terreni di giuoco. La riunione è così iniziata con un minuto di raccoglimento per questa tragedia che ha destato grande commozione. Come segno di affetto gli associati spezzini hanno firmato una divisa, che riportava anche i nomi degli arbitri di Serie A, che poi è stata consegnata ai genitori di Caterina. "Sono venuto qui a La Spezia per trasmettere la mia passione e la gioia che provo nell´arbitrare - ha detto Mazzoleni - ma in serate come queste ti accorgi quanto sia assurdo stare male per un brutto voto preso dall´osservatore in una gara, i veri dolori sono perdere una vita così giovane".
Dopo questo momento di grande commozione è iniziata la riunione tecnica, con Paolo Mazzoleni che ha parlato della sua esperienza personale. "La passione e l´entusiasmo che avevo nel ´91, quando sono diventato arbitro, ci sono ancora adesso. - ha detto - Sono partito che giocavo a basket, anche piuttosto bene, poi ho abbandonato per dedicarmi a questa bellissima realtà che conoscevo perché in casa avevo l´esempio di mio fratello. Quando giocavo a pallacanestro ero abituato allo spogliatoio pieno prima della partita, mentre quando ho iniziato ad arbitrare ero solo e fu abbastanza strano per me. - ha aggiunto - Un grande arbitro diceva che arbitrare è un esercizio in solitudine, ed è proprio vero". Riguardo gli aspetti arbitrali, Mazzoleni ha poi puntato l´attenzione su tre fattori: la preparazione atletica, quella tecnica e l´aspetto comportamentale. "Un arbitro di Serie A in media corre tra i 12 e i 14 km a partita, perciò è importante essere atleticamente pronti anche per mantenere la lucidità mentale - ha detto Mazzoleni - non si può inoltre prescindere dal conoscere e dallo studiare il regolamento anche quando si è finito il corso arbitri. Non abbiate poi paura di sbagliare nelle tantissime decisioni che siete chiamati a prendere ogni partita". Infine un ultimo consiglio "Guardate le partite perché un episodio che avviene in Serie A può capitare in ogni partita di qualunque categoria. Guardate le partite osservando l´arbitro".

Fonte: Federico Marchi

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio