21 Ottobre 2020

SEZIONE DI SAVONA: IL PUNTO SUL CALCIO A CINQUE IN LIGURIA

04-06-2014 10:48 - stagione sportiva 2013-2014
E´ stata un´approfondita analisi sul movimento ligure del Calcio a cinque a caratterizzare una riunione organizzata dalla sezione di Savona. Presenti alla serata il responsabile del futsal per il Comitato Regionale Arbitri della Liguria, Gaetano Gangilli, il responsabile del modulo Perfezionamento e Valutazione del Settore Tecnico, Luca Gaggero, e l´osservatore in forza alla CAN 5 Antonello Motosso. Ad introdurli è stato il presidente degli arbitri savonesi Fabio Muratore, osservatore con alle spalle un´esperienza anche a livello nazionale nel Futsal. "Chi si avvicina al Calcio a 5 non deve vivere questa prospettiva di carriera come un ripiego ma come un´opportunità. - ha detto Gangilli - Considerando come è strutturato il livello nazionale, dove esiste la sola CAN 5, anche nel futsal c´è la possibilità di togliersi molte soddisfazioni".
In Liguria il movimento è ancora in crescita rispetto ad altre regioni italiane, con i benefici ma anche le difficoltà del caso. "Ci sono regioni in cui i palazzetti sono pieni e per una gara di Serie B è possibile trovare anche 1000 spettatori; - ha aggiunto - in queste realtà per diventare arbitro di Calcio a 5 si affrontano dei corsi specifici e ci si forma dirigendo incontri di Futsal anche nelle categorie giovanili. Qui non abbiamo questa opportunità quindi per i direttori di gara la palestra in cui maturare sul piano arbitrale rimane il calcio a 11. Inoltre dobbiamo sfatare il mito per cui il Calcio a 5 sia più facile e per arbitrarlo si corra di meno. In questa disciplina ogni fischio è determinante, perché il campo è più piccolo, quindi si potrebbe dire che è come essere sempre in area di rigore, e perché c´è la contabilità dei falli e dopo il quinto si va al tiro libero, dunque ogni decisione pesa sull´andamento della gara. Inoltre la pressione ambientale è maggiore perché si ha il pubblico direttamente alle proprie spalle, quindi occorre avere la maturità per gestire il mondo che si ha attorno".
Gaetano Gangilli ha infatti poi puntato l´attenzione sulle doti atletiche che un arbitro del Calcio a 5 deve possedere e sul feeling tecnico che si deve creare all´interno della squadra arbitrale. "Il futsal si gioca molto velocemente e senza tempi morti - ha detto - serve trovare immediatamente il giusto feeling con l´arbitro con cui si viene mandati a dirigere la gara, soprattutto a livello di metro di giudizio. Nel Calcio a 5 un fattore fondamentale per una buona direzione è la concentrazione, dato che una gara di Futsal non è mai finita e più volte si sono visti, soprattutto col tempo effettivo, risultati ribaltati nel giro di pochi secondi".
In questa stagione sportiva la Liguria è stata rappresentata a livello nazionale da cinque arbitri e tre osservatori che hanno operato alla CAN 5. Grande l´attenzione riservata dal CRA Liguria a questo settore, anche attraverso l´organizzazione di alcuni raduni regionali, l´ultimo dei quali organizzato ad Imperia.

Nella foto principale un momento della riunione. Nelle altre foto l´ultimo raduno regionale del calcio a cinque svoltosi ad Imperia.


Fonte: Federico Marchi

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio